POMODORI

Il pomodoro, o Lycopersicum esculentum in latino, è una pianta perenne delle Solanacee originaria dell’America Latina, che produce delle bacche di colore verde o rosso, cioè il pomodoro vero e proprio, ricoperte da una buccia liscia e molto resistente.
Il pomodoro è originario del Sud America, delle regioni tropicali e sub-tropicali del Perù e dell’Ecuador, dove ancora oggi è possibile trovare delle specie selvatiche dai frutti piccoli, simili, tra le varietà attualmente coltivate, al tipo Cherry o “pomodorino ciliegia”.
Secondo alcuni studiosi, il nome inglese “tomato” deriva dall’azteco “xitomate” o “zitomate”, mentre secondo altri da “tomati”, nome con cui alcune popolazioni indigene del Messico, chiamavano i frutti della pianta di pomodoro di cui si nutrivano. Il termine italiano “pomodoro”, invece, è riconducibile al colore giallo dei primi frutti apparsi in Europa, alla fine del Cinquecento, soppiantati poco dopo da varietà a frutto rosso, anch’essi presenti nell’America Meridionale. Dal Messico, dov’era coltivato in mezzo al mais, il pomodoro giunse in Spagna. Attraverso il possedimento spagnolo di Napoli, nel sec. XVI, il pomodoro, inizialmente considerato una pianta medicinale entrò nella cucina italiana, attribuendogli il nome di “mela d’oro” o “pomo d’oro” e attraverso Genova e Nizza lo trasmisero ai provenzali, utilizzato prevalentemente per abbellire i balconi.
Dalla Spagna, al seguito degli Arabi, il pomodoro giunse in Sicilia, dove si ritrovano le più antiche ricette italiane a base di pomodoro, soprattutto sughi per condire la pasta, in alternativa ai condimenti a base di burro, formaggio e spezie. A Parma, dove il pomodoro è destinato a diventare una delle specie orticole più coltivate, fino al 1880 non rientra tra le abitudini alimentari del mondo contadino. Di lì a poco, in queste terre, si sarebbe assistito all’avvento dell’industria della trasformazione del pomodoro, che ancora oggi rappresenta una delle più importanti realtà dell’economia italiana.

TIPOLOGIE E VARIETA

Il pomodoro può avere forma tonda, appiattita, ovale o allungata a seconda della varietà. Le varietà sono molte ma possono essere suddivise in quattro gruppi principali:
Pomodori costoluti: Cuore di Bue, Costoluto verde, Marinda (Marmande) Pomodori tondi lisci: Grappolo, Camone Pomodori allungati: Cencara, Romanello (Roma) e tipo San Marzano Pomodori ciliegini, inclusi Piccadilly e Datterino L’utilizzo dei pomodori cambia a seconda della tipologia, così che esistono pomodori più adeguati per il consumo fresco, altri più adatti per l’utilizzo in cucina nelle numerose ricette possibili grazie alla versatilità del pomodoro.

ORIGINE E PERIODI COMMERCIALI

Oro della Terra distribuisce pomodori per tutto l’anno raccogliendoli dalle zone di produzione nazionali più importanti:
Sicilia, con le aree di Vittoria, Gela e Pachino, da cui provengono Cuore di Bue, Grappolo, Ciliegino, Piccadilly, datterino, Insalataro, Cencara e Camone
Lazio, ed in particolare la zona di produzione di Fondi, con Cuore di Bue, Grappolo, Ciliegino, Piccadilly, Insalataro, Cencara
Veneto (Verona e Lusia) per Cuore di Bue, Grappolo, Insalataro
Marche, da cui provengono pomodori lunghi tipo San Marzano

ARGOMENTI DI VENDITA

TIPOLOGIE E COLORE
Il pomodoro si presta ad arricchire il banco di vendita con diversi colori e tonalità: rosso, verde, arancio più o meno brillanti, oltre a forme diverse che movimentano il reparto e permettono varie forme di vendita, sia confezionato sia sfuso. Inoltre le diverse tipologie di pomodoro possono avere forti differenze di prezzo che permettono di segmentare la domanda in maniera spinta.

VITAMINE E LICOPENE
Il pomodoro è ricco di vitamine, A e C in particolare. Sono inoltre presenti sostanze antiossidanti come lo zolfo e il licopene. Il licopene aiuta anche la pelle a proteggersi dall’attacco dei radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento e di molte patologie tumorali. il licopene, infatti, è un antiossidante carotenoide che si trova in diversi alimenti, responsabile del colore rosso del pomodoro, e del colore giallo e rosso di altri vegetali. Il licopene non può essere sintetizzato nel nostro organismo, quindi dipende dalla dieta. I depositi di licopene nell’organismo si trovano nel fegato, nei testicoli, nell ghiandole surrenali e nella prostata. Si raccomanda un apporto di 50 – 100 mg al giorno di licopene per beneficiare degli effetti antiossidanti. La principale attività del licopene è quella antiossidante. Assunto regolarmente e con il supporto medico, aiuta a prevenire alcuni tipi di cancro, l’invecchiamento della cellula e alcune malattie cardiovascolari.

POMODORO PER MILLE USI
Disponibile in numerose tipologie, il pomodoro è un ortaggio versatile adatto a numerosi utilizzi in cucina. Oro della Terra consiglia queste varietà per i diversi modi d’impiego.

Utilizzo Pomodoro ideale
Da insalata Cuore di Bue, Ciliegino, Insalata, Cencara, Camone, Marinda (Marmande)
Da cuocere (griglia, forno) Cencara rosso, Piccadilly, Grappolo
Per salse, sughi, passate Romanello (Roma), Piccadilly
Da cocktail Ciliegino, Datterino, Camone
Consumato come frutta Ciliegino, Datterino, Camone
Bruschetta Grappolo
Caprese Cuore di Bue, Costoluto verde, Ciliegino
Pizza Cencara rosso, Ciliegino

GESTIONE SUL PUNTO VENDITA

Il pomodoro è un prodotto delicato che non si conserva a lungo e che deve evitare sbalzi termici e manipolazioni eccessive.
Il controllo qualità di Oro della Terra verifica che i pomodori siano freschi, in modo da assicurare che i pomodori insalatari non siano sgonfi, gommosi, con polpa asciutta, buccia vetrosa o raggrinzita, interno semivuoto e con molta acqua e che i pomodori a grappolo e ciliegini non siano morbidi, con buccia raggrinzita, con interno semivuoto e con molta acqua e con grappolo secco. Ciò permette che i pomodori Oro della Terra siano turgidi, a polpa spessa e con la cavità interna piena. 
Al ricevimento della merce i principali criteri per valutare l’efficacia del nostro controllo qualità riguardano la freschezza e l’uniformità del colore, la consistenza, l’assenza di screpolature e l’omogeneità della confezione. La freschezza dei pomodori a grappolo come i ciliegini può essere valutata a occhio osservando le branchette che, nel prodotto fresco, sono di un bel verde e assolutamente non avvizzite. Le stesse considerazioni valgono anche per la stellina – le foglie carpellari che si trovano nella parte apicale della bacca.

NORME DI COMMERCIALIZZAZIONE

Secondo il Regolamento Comunitario n. 543/2011, i pomodori devono presentare caratteristiche minime di qualità e uno sviluppo tali da permettere il trasporto e le operazioni connesse. 
Classificazione
i pomodori sono classificati nelle tre categorie seguenti:
i) Categoria «Extra» (pomodori di qualità superiore)
ii) Categoria I (pomodori di buona qualità)
iii) Categoria II (pomodori che non possono essere classificati nelle categorie superiori, ma che corrispondono alle caratteristiche minime)
Calibrazione
I codici di calibro rispettano i codici e gli intervalli riportati nella tabella che segue:

  Codice
di calibro     Diametro (mm)

0                   ≤ 20
1                   > 20 ≤ 25
2                   > 25 ≤ 30
3                   > 30 ≤ 35 
4                   > 35 ≤ 40
5                   > 40 ≤ 47
6                   > 47 ≤ 57
7                   > 57 ≤ 67
8                   > 67 ≤ 82
9                   > 82 ≤ 102
10                 > 102

Norme di riferimento
Regolamento CE n. 543/2011
Norma UNECE n. FFV-36/2011

ETICHETTA / INDICAZIONI ESTERNE

Ciascun imballaggio contenente pomodori porta, in caratteri raggruppati su uno stesso lato, leggibili, indelebili e visibili dall’esterno, le indicazioni seguenti:
– nome ed indirizzo dell’imballatore e/o dello speditore;
– paese di origine ed eventualmente zona di produzione o denominazione nazionale, regionale o locale;
– categoria;
– calibro (in caso prodotti calibrati) espresso dal diametro minimo e massimo.
Tali informazioni sono riportate anche sui documenti di trasporto.

ALLERGENI E OGM

Glutine: i pomodori non contengono glutine.
I pomodori non contengono altri allergeni identificati dal Decreto Legislativo 8 febbraio 2006, n. 114.
I pomodori forniti da Oro della Terra non hanno origine da organismi geneticamente modificati (OGM).
Gli imballaggi e i materiali a contatto con i pomodori venduti da Oro della Terra non contengono lattice di gomma.

CONSERVAZIONE DOMESTICA

Il pomodoro richiede condizioni di conservazione variabili secondo il tipo e il grado di maturazione. In generale, tenere i pomodori a temperature troppo alte significa portarli a sovra-maturazione, abbreviandone la vita. Al contrario, se nel frigorifero le temperature sono più basse di quelle consigliate, nel giro di 24-72 ore i pomodori possono divenire pastosi, perdere completamente l’aroma e sviluppare macchie scure sia esternamente sia internamente. 
È consigliabile utilizzare lo scomparto “delle verdure”, dove conserveremo i pomodori da insalata verdi o viranti al rosa e rosso, che vanno tenuti a circa +8°C / +10°C, magari all’interno di un sacchetto di carta per preservarne la freschezza e l’idratazione. In queste condizioni possono essere conservati tra sette e dieci giorni.  I pomodori rossi si possono conservare a circa +5° C e per alcune varietà si può arrivare a +0°C / +2°C, per cui si suggerisce di conservarli nei ripiani più bassi, in sacchetti di plastica o cestelli chiusi, dove li terremo per 5 giorni al massimo. Per i ciliegini rossi acquistati con le bacche ben salde è consigliabile la conservazione nel comparto “delle verdure” in un sacchetto di carta, per evitarne la disidratazione. Infatti, a temperature inferiori a +5°C / +7°C, le bacche di molte varietà di pomodori ciliegini  tendono a distaccarsi dal raspo dopo pochi giorni di conservazione.

CONSERVAZIONE COMMERCIALE

Il pomodoro è una specie sub-tropicale che, di conseguenza, è sensibile ai danni da freddo. Infatti, la temperatura di conservazione può avvicinarsi a 0°C solo per i pomodori rossi, mentre i pomodori semi-maturi e verdi richiedono temperature di conservazione maggiori per evitare danni da freddo: rispettivamente +7/+8°C e +11/+12°C. L’umidità relativa consigliata è media, intorno a 80%.

CONTENUTO NUTRIZIONALE

Il pomodoro è un alimento povero di calorie ed è ricco di sostanze antiossidanti importanti per la salute, come il licopene, il beta-carotene (vitamina A) e la vitamina C . L’unico minerale presente in discreta quantità è il potassio. Il contenuto di licopene nei pomodori varia a seconda del tipo ed aumenta con la maturazione del frutto: nei pomodori maturi il contenuto medio è di 11mg/100 g nella polpa e 54 mg/100 g nella buccia ed è meno biodisponibile nel prodotto crudo o poco cotto. La cottura dei pomodori con olio di oliva rende il licopene più facilmente assorbibile da parte dell’organismo: infatti la cottura, indebolendo le fibre di cellulosa, rende il licopene più facilmente utilizzabile dall’organismo, seppure degrada gran parte della vitamina C che comunque ha un peso minore nella composizione nutrizionale del pomodoro. 

POMODORO E BELLEZZA

Per combattere l’invecchiamento, niente è più efficace del pomodoro, l’antiossidante per eccellenza. Secondo molti esperti non esiste farmaco efficace contro i radicali liberi come lo è il pomodoro, ricco di beta-carotene e licopene. La vitamina C si concentra tutta nella sostanza gelatinosa che circonda i semi, quindi, in particolar modo nelle insalate, è buona regola non scartare i semi.

ORTAGGIO A BASSO CONTENUTO CALORICO
SENZA GRASSI
ALTO CONTENUTO DI VITAMINA A
ALTO CONTENUTO DI VITAMINA C

IGIENE E SICUREZZA (HACCP)

La delicatezza del pomodoro e la suscettibilità a diverse patologie richiedono un numero di trattamenti più elevato rispetto ad altre specie. Tuttavia, le linee di difesa integrata contemplano principi attivi a basso impatto e ne limitano fortemente il numero di impieghi, utilizzando quando possibile rimedi di natura biologica. Le analisi periodiche sui residui di antiparassitari non danno al pomodoro un livello di rischiosità elevato.
I pomodori venduti da Oro della Terra non entrano a contatto con inchiostri o sostanze tossiche derivanti dagli imballaggi e dai materiali a contatto con i prodotti.

COMPOSIZIONE E VALORE ENERGETICO

Per 100 gr di prodotto

Parte edibile
100 %
 
Acqua
94 gr
 
Proteine
1.0 gr
 
Lipidi
0.2 gr
 
Colesterolo
0.0 mg
 
Carboidrati disponibili
3.5 gr
 
Amido
0.0 gr
 
Zuccheri solubili
3.5 gr
 
Fibra Totale
2.00 gr
 
Fibra solubile
0.37 gr
 
Fibra insolubile
1.67 gr
 
Alcol
0.0 gr
 
Energia
19 kcal
 
Energia
79 kJ
 
Sodio
6 mg
 
Potassio
297 mg
 
Ferro
0.3 mg
 
Calcio
9 mg
 
Fosforo
25 mg
 
Magnesio
10 mg
 
Zinco
0.11 mg
 
Rame
0.01 mg
 
Selenio
2.3 µg
 
Tiamina
0.02 mg
 
Niacina
0.8 mg
 
Vitamina A retinolo eq.
610 µg
 
Vitamina C
25 mg
 
Fonte:
INRAN